Campanelli d’allarme di un Brand fragile.

Hai lanciato il tuo Brand? Congratulazioni. Ora però devo rivelarti una cosa: il tuo lavoro non è finito. Devi continuare a prenderti cura della tua marca personale e della reputazione della tua attività, altrimenti rischi che quella diventi fragile.

In un passato articolo del blog ho già parlato di Brand Awareness. Questo termine si riferisce a quanto è conosciuto un Brand ma, soprattutto, quanto la fama che si è fatto è davvero simile agli obiettivi posti in fase di strategia.

Perché non serve a niente un Brand famosissimo… per essere poco affidabile, no?

Ma il discorso non si limita a una semplice differenza fra buona o cattiva reputazione. Ti faccio un esempio, per spiegarmi meglio. Pensa ad un quartiere con due bar: uno è il bar storico, gestito ora dall’ultima generazione della famiglia che lo tiene dagli anni ’60; lì dentro c’è l’atmosfera di sempre, è possibile seguire le partite di calcio e bere ottimi espressi; poi c’è il locale più innovativo, che serve centrifughe e cocktail ricercati e una connessione wi-fi per chi sceglie di fermarsi col portatile a lavorare. Uno dei due bar è migliore dell’altro? No. Sono solo diversi. Ma è importante che il loro pubblico conosca questa differenza e sappia cosa aspettarsi, per poter scegliere bene e non rimanere delusi una volta varcata la soglia.

Insomma, la reputazione non è solo buona e cattiva ma anche coerente, con la tua strategia e il posizionamento.

Monitora il tuo Brand.

Insomma, il tuo lavoro non finisce con il lancio del tuo Brand. Dopo, avrai sfide tutte nuove ad attenderti.

Una delle attività in cui devi impegnarti è quella del monitoraggio, anche della Brand Awareness.

Ora, questo fattore è un po’ difficile da misurare con numeri o strumenti automatici. Per esperienza, ti dico che l’indicatore migliore sono i tuoi Clienti, quelli che scelgono di acquistare uno dei tuoi prodotti o servizi.

Osservandoli, ti renderai conto se assomigliano alla tua idea di Cliente Ideale o se, invece, quando ti scrivono per un preventivo avanzano richieste che non hanno nulla a che fare con te. Ad esempio, io faccio del mio meglio per raccontare che non sono la grafica giusta se si ha bisogno di un “logo carino” o “in tempi brevi”; nonostante questo, ogni tanto ricevo richieste del genere.

Finché il numero di quelle richieste è basso non mi preoccupo; ma, se quel numero crescesse fino a diventare la maggior parte, allora saprei che qualcosa non va nella mia comunicazione e che la mia reputazione non mi rispecchia davvero.

Chiaro, il concetto?

Come monitorare la tua Brand Awareness.

Osserva i tuoi clienti, e rispondi a queste domande:

• stai incontrando le persone giuste?
• rispecchiano il profilo del tuo Cliente Ideale?
• rispecchiano davvero i tuoi desideri?
• sei felice di lavorare con loro?

Sei soddisfatta, insomma, del pubblico che attiri? È allineato con i tuoi desideri e con gli obiettivi che ti eri posta? Se la risposta è negativa… beh, mia cara, è il momento di correre ai ripari.

E se non hai idea di chi sia il tuo Cliente Ideale, puoi iniziare da questo percorso gratuito.

 

brand awareness riconoscibilità marca personal brand nemawashi studio cliente idealebrand awareness riconoscibilità marca personal brand nemawashi studio cliente idealebrand awareness riconoscibilità marca personal brand nemawashi studio cliente ideale