Concentrarti sul presente, quando hai una Visione che ti fa battere il cuore.

So bene quanto può essere difficile restare coi piedi per terra e bene ancorate al qui ed ora, quando dentro di noi abbiamo un sogno, una passione e una visione così favolosi che tutto quel che vorremmo è poter fare un salto dritte nel futuro. Purtroppo, restare sempre con la testa fra le nuvole è il modo migliore per non arrivarci mai, a quel futuro. Dobbiamo imparare come restare connesse alla Visione, senza perdere contatto con il presente.

Insomma, sembra una presa in giro: per avere successo ci serve una Visione che parli del futuro, ma per realizzare quel futuro dobbiamo stare bene ancorate nel presente?

Ebbene, sì. E non cadere nel tranello di pensare che, delle due, tu ne debba scegliere una perché questo è un sistema binario, dove Visione e centratura si girano intorno in una danza bellissima come due stelle, in perfetto equilibrio.

Però… lo so, che non è facile. Sono una Bilancia ascendente Aquario: formulare idee e seguire ispirazioni nuove è uno dei miei passatempi preferiti. Nei miei giorni “migliori” sono un vero vulcano, ho un’intuizione dietro l’altra e una grandissima parte di me vorrebbe seguirle con la stessa naturalezza con cui Alice ha seguito il Bianconiglio.

Però ho imparato a trattenermi, e a concentrarmi su un progetto alla volta. Altrimenti, non ne porterò mai a compimento nemmeno uno, non sei d’accordo?

Qualche strategia per restare concentrata sul presente, senza perdere il contatto con la Visione.

Come ti ho detto, una parte di me vorrebbe saltellare da un progetto all’altro. Spoiler: nella mia Visione c’è anche la possibilità di fare questo, almeno in parte. Perché ho intenzione di rafforzare il mio business al punto di potermi circondare di un team solido e fidato a cui appaltare gli aspetti più tecnici del lavoro, così io avrò più tempo da dedicare alla parte creativa.

Ma per arrivare a quel risultato so che devo lavorare sodo e concentrami sul pezzo di strada che sto percorrendo adesso, senza lasciarmi distrarre (troppo) dai miei sogni di gloria.

Per tenere a bada quella parte di me più vaga e irrequieta ho dovuto mettere a punto delle vere e proprie strategie, che oggi voglio condividere con te.

Appago la mia voglia di fare un balzo avanti con meditazioni regolari: ogni lunedì mattina, prima di dare il via alla mia settimana, accendo una candela e mi metto seduta ben comoda; chiudo gli occhi e mi metto a fantasticare, per qualche minuto, sulla mia Visione; esploro i luoghi, mi concentro sulle sensazioni del mio corpo, scopro chi c’è intorno a me. Insomma: faccio un bel viaggio turistico nella mia Visione, così sono contenta e sopratutto ben focalizzata sui miei obiettivi. Poi, però, finita la meditazione prendo in mano l’agenda e inizio a lavorare sugli impegni quotidiani.

Scompongo il mio obiettivo in pezzi piccolissimi: un po’ come se applicassi alla mia Visione il Metodo Cartesiano, cerco di frazionare un obiettivo grande grande in step piccoli piccoli. Partendo da dove mi trovo ora, quale è la prima e minuscola cosa che posso fare per andare nella direzione che voglio? Questa è la parte più razionale del mio spirito che parla, ma funziona. Per prendere la mano con questa tecnica, scarica il workbook gratuito e inizia a studiare i tuoi Piccoli Passi.

Tengo la mente sgombra dalle tante idee, trascrivendole su un Quadernino: ne ho uno dedicato proprio ed esclusivamente a questo. Dico spesso che la mia mente ha una RAM limitata, perché mi capita di sentirmi il cranio troppo “gonfio” di idee, pensieri, liste di cose da fare. Una tecnica che metto in pratica è quella di trascrivere le idee, così come sono, sul Quaderino di cui sopra. In questo modo faccio spazio per quello che è importante oggi ma, allo stesso tempo, preservo l’intuizione e la tengo al sicuro, per ritrovarla quando mi servirà.

Carte oracolo per tornare al presente: quando, poi, nessuna delle mie altre tecniche riesce a riportare la mente al presente, uso delle Carte Oracolo come soluzione definitiva. Questo mazzo mi piace tantissimo, ma uso spesso anche questo. Mi rilasso, faccio esercizi di meditazione finché non mi sento concentrata e faccio una domanda alle carte: perché non riesco ad ancorarmi al presente? Cosa mi porta lontano? Come posso fare a ritornare al qui ed ora?

Spero che queste tecniche ti siano utili. In generale, ricordati che è importante trovare il tuo modo per mantenere in equilibrio Visione e centratura, e che l’equilibrio perfetto non esiste. Esiste solo il tuo equilibrio.

 

visione strategia creatività freelancer solopreneur nemawashi studio concentrazionevisione strategia creatività freelancer solopreneur nemawashi studio concentrazionevisione strategia creatività freelancer solopreneur nemawashi studio concentrazione