Brand: Personal, Business o Ibridi.

Spesso si parla di Brand riferendosi a qualcosa di concreto, e si confonde col Marchio o il Logo. Ma Marchio e Logo sono solo una rappresentazione visiva del Brand che, in realtà, è molto di più. Il Brand è come la nostra attività è considerata, e perché venga inquadrata nel modo giusto dobbiamo scegliere la strategia giusta per posizionarci.

Molto spesso si parla di Brand riferendosi a qualcosa di concreto, tangibile; e si confonde col Marchio o il Logo. Questo è un errore: il Marchio e il Logo sono solo una rappresentazione visiva del Brand e contribuiscono alla sua diffusione, a renderlo noto e riconoscibile. Ma il Brand è di più.

La ragione principale per cui è tanto difficile capire cosa è il Brand sta nel fatto che si tratta di una roba del tutto immateriale: il Brand è una idea.

Più precisamente l’idea che il tuo pubblico si fa di te: il ruolo in cui ti inquadra. Fai un esperimento e prova a completare queste frasi:

• se penso a Nemawashi Studio, penso a…

• se penso a IKEA, penso a…

• se penso a Nike, penso a…

• se penso alla Apple, penso a…

Quello che hai messo dopo i puntini è il Brand di Nemawashi Studio, di Ikea, di Nike, della Apple; il modo in cui, nella tua testa, definisci quei Brand, è il ruolo che essi hanno nella tua vita. È evidente che quel ruolo cambia da persona a persona, e questo è naturale: c’è chi pensa subito a IKEA se deve cambiare la cassettiera in camera, c’è che invece penserà a un mobilificio artigianale. Un Brand deve misurare la sua forza e il suo posizionamento solo tenendo conto del proprio pubblico di riferimento.

L’importanza della Strategia di Brand.

Ora… l’idea che gli altri si fanno di te e della tua attività dipende, in parte, da loro; ma dipende anche, soprattutto, da te. Tanto più sarai brava a capire che impatto vuoi avere sul mondo; tanto più sarai brava a sceglierti quel famoso pubblico di riferimento; e tanto più sarai brava a capire cosa dire e come, per far capire a quel pubblico a quale impatto punti, tanto più ti stai avviando sulla strada del successo.

Per riuscirci ti serve una Strategia di Brand; quella cosa che, per farla semplice, risponde alla domanda: ok, cosa devo fare per assumere il ruolo che voglio?

Categorie di Brand.

Una delle cose che andrai a definire, studiando la tua Strategia e il tuo posizionamento, è la tipologia di Brand che è più adeguata ai tuoi obiettivi. Ne esistono due più una – e, attenzione, questo non vuol dire che esistono solo due più uno tipi di Brand: ognuno di essi è unico, ha le sue pecularità, le caratteristiche che lo fanno unico. Ma è possibile inquadrare ogni tipo di Brand in tre “famiglie”, e avere questo schema a cui fare riferimento può aiutarti a iniziare a stabilire intanto alcuni punti fermi.

Torniamo alle nostre categorie. Abbiamo detto che sono, in totale, tre, e si tratta di:

  • Business Brand;
  • Personal Brand;
  • Brand ibridi.

Di sicuro hai sentito spesso parlare della seconda categoria, i Personal Brand; invece è probabile che tu non abbia mai incontrato la dicitura “Business Brand” ma non perché siano rari, anzi; è che il più delle volte vengono detti solo “Brand”. E poi ci sono gli ibridi, che prendono un po’ dagli uni e un po’ dagli altri.

Cos’è un Personal Brand.

I Personal Brand sono quelli che identifichiamo con persone, individui; ad esempio Marie Forleo ha costruito un Personal Brand con i fiocchi. Politici, musicisti, influencer, gente dello spettacolo: tutti ottimi esempi di Personal Brand.

In pratica, l’idea che ci facciamo della persona è sovrapponibile all’idea che ci facciamo dei servizi e prodotti che vende.

Un Personal Brand è spesso una scelta felice, soprattutto perché è molto più facile empatizzare e costruire un rapporto di fiducia con un interlocutore che è una persona, e non una azienda. Il Personal Brand lo riconosci perché ha una faccia umana, una voce umana, una personalità e dei valori e una storia che sono quelli di un essere umano.

Attenzione a non confonderlo con un Testimonial. Ad esempio, Steve Jobs è stato un elemento molto importante nella costruzione e nel rafforzare il Brand Apple, ma non era il Brand Apple.

Altra cosa a cui fare attenzione: questo non significa che il Personal Brand sia sempre e in ogni caso la scelta più strategica, ma senza dubbio porta con sé numerosi vantaggi.

Cos’è un Business Brand.

I Business Brand invece sono tutti quelli che identifichiamo in dei prodotti; ad esempio IKEA, Nike, Apple, eccetera eccetera. È importante capire una cosa: questo non significa che preferiamo IKEA a un altro Brand di arredamento, ad esempio, MondoConvenienza, perché i prodotti di IKEA sono migliori; ma perché attribuiamo a quei prodotti dei valori e una identità che noi finiamo per preferire.

Anche nel caso di un Business Brand, la scelta dell’acquisto è dettata dai valori, dall’etica e dalla reputazione che attribuiamo ad un prodotto e non dalla qualità effettiva dello stesso. In questo caso l’esempio classico e lampante è quello della Apple. Un iPhone ha un costo molto più alto di quello di altri smartphone, ma le caratteristiche tecniche e concrete non sono poi così superiori. A giustificare quella differenza economica è proprio il valore aggiunto, la reputazione del Brand; è nell’idea che il pubblico ha di Apple. Poiché associa il Brand ad un’idea di umanità contrapposta alla fredda tecnologia; di innovazione; di design; e poiché sposa questi valori… ecco che sceglie l’iPhone.

Un Business Brand ha un vantaggio importante: è facile cederlo, venderlo. Se nei tuoi piani a lungo termine c’è l’idea di non restare per sempre legata a questa azienda ma ti piacerebbe cambiare… forse questa è la strada giusta per te.

Cos’è un Brand Ibrido.

Come detto, esiste una terza categoria che è una via di mezzo fra queste che ti ho appena descritto. Un Brand ibrido è incentrato sul prodotto ma sfrutta la personalità e la reputazione di un individuo per dimostrare che quel prodotto è valido. In più, è possibile sfruttare l’elemento umano: questo è un grosso vantaggio perché è molto più facile affezionarsi ad un individuo che non ad un prodotto.

Un esempio di Brand ibrido è la B-School di Marie Forleo. Questo Brand è un vero e proprio prodotto, sicuramente ottimo, molto ben studiato, valido; ma non avrebbe avuto lo stesso successo se non fosse infusa della personalità della Forleo prima di tutto – che si era già costruita un Personal Brand forte e robusto.

Chiaro il concetto?

Come scegliere il tipo di Brand giusto per te?

Se ti chiedi quale sia più vantaggioso fra questi tipi di Brand, la risposta è: dipende.

Bisogna valutare i tuoi obiettivi sul lungo periodo; ad esempio, se sogni di avviare una attività, portarla al successo e poi venderla è probabile che la scelta migliore sia di puntare ad un Business Brand. Entrambe le categorie hanno punti di forza.

Se questa Guida ti è stata utile e vuoi ricevere ancora spunti e contenuti per costruire il tuo Brand, iscriviti alla Newsletter.

brand categorie tipi personal business ibridi come si fa branding marchiobrand categorie tipi personal business ibridi come si fa branding marchiobrand categorie tipi personal business ibridi come si fa branding marchio