Partecipazioni di Matrimonio: quando consegnarle?

  • by

Sulle Partecipazioni di Matrimonio c’è molto da dire e da fare. Ma forse, dopotutto, quel che conta veramente è una cosa sola: consegnarle. E farlo al momento giusto. I tuoi cari hanno bisogno di conoscere i dettagli sul tuo giorno speciale col giusto preavviso. Ma… non esagerare.

Io sono sempre in anticipo di dieci minuti. In pratica questo significa che passo la vita ad aspettare gli altri, ma questa è un’altra storia. Oggi non voglio farti perdere tempo perché, se stai leggendo questo articolo, probabilmente è perché la data del tuo Matrimonio è fissata e tu, calcolatrice e calendario alla mano, stai facendo calcoli trigonometrici per ottenere la data migliore in cui spedire le tue partecipazioni. Dico bene?

No problem! In questo articolo c’è la soluzione al tuo dilemma.

Come hai organizzato il tuo Matrimonio?

Cominciamo col dire questo: certo, il giorno del tuo Matrimonio deve essere perfetto per te! Ma non scordarti di fare il possibile per rendere l’esperienza piacevole anche ai tuoi invitati. Perché ti dico questo? Per farti ragionare, solo un secondo, sul perché è giusto consegnare le Partecipazioni con un debito anticipo.

Perché sennò rischi che i tuoi cari abbiano già altri impegni e tu non avrai nessuno a brindare con te? No.

Perché così parenti e amici avranno tutto il tempo per organizzare gli spostamenti, prendere un permesso a lavoro, prenotare dal parrucchiere e perdere quei due chiletti che servono a rientrare nel vestito? Sì.

Che cosa ne consegue? Che il momento migliore per consegnare le Partecipazioni dipende un po’ dal tipo di Matrimonio che hai organizzato e dai tuoi invitati. Ti faccio un esempio molto pratico per farti capire: se scegli di spostarti alle Maldive devi avvisare gli invitati con un bel po’ di anticipo; perché partecipare comporterà prenotare un viaggio, chiedere le ferie al lavoro, probabilmente mettere da parte qualche soldo (e forse anche programmare cinque o sei lampade solari).

Consegnare le Partecipazioni un mese prima del Matrimonio.

Questa cosa in generale non si dovrebbe fare; ma può capitare. Magari hai deciso di creare le Partecipazioni da te e il lavoro ti sta richiedendo più tempo di quello che avevi messo in conto. Ok, succede. Però, allora, non aspettare e anticipa ai tuoi invitati la data; avvisali che, a breve, riceveranno anche la bellissima comunicazione ufficiale. In questo modo avranno comunque tutto il tempo per prepararsi all’evento senza stress né crisi di panico.

Tre mesi prima.

Se il tuo Matrimonio non prevede grandi spostamenti, ma verrà celebrato nella tua città; e se i tuoi invitati vivono tutti nel raggio di massimo un’ora di viaggio da te, allora tre mesi di tempo sono sufficienti per fare tutto quello che serve per prepararsi a partecipare alla cerimonia: anche trovare un appuntamento disponibile dal parrucchiere.

Dai sei agli otto mesi di anticipo.

Se invece al tuo Matrimonio inviterai anche amici o parenti che abitano lontano (magari la tua cara amica che per lavoro si è trasferita in un’altra città) è cosa buona e giusta comunicare la bella notizia con un più grande anticipo. Perché, in questo caso, alcuni dei tuoi invitati dovranno chiedere magari uno o due giorni di permesso a lavoro e non puoi sapere con certezza quali sono le politiche nelle loro aziende.

Lo stesso discorso vale se invece è il Matrimonio stesso ad essere altrove; se hai organizzato la cerimonia in una località speciale devi dare il modo e il tempo ai tuoi invitati per organizzarsi a dovere, prenotare una camera per il pernottamento, i biglietti per il viaggio e tutto il necessario. Inoltre… diciamocelo, questa alternativa richiederà un certo impegno economico anche ai tuoi ospiti e avvisarli per tempo può dargli modo di risparmiare su qualche serata in pizzeria.

Più di un anno prima.

Se hai già confermato la data, organizzato ogni dettaglio con la location per la festa, firmato il contratto col fotografo e il deejay e mancano più di dodici mesi al tuo grande “Sì!”… beh, complimenti! L’idea di sposarti di gasava davvero molto, non è vero?

In ogni caso non è davvero necessario consegnare le Partecipazioni con tale anticipo. Fai un bel respiro, rilassati e… permettiti di godere di questi mesi unici e fantastici che stai vivendo e durante i quali vivrai emozioni particolari e irripetibili.

Ultimi, ma non meno importanti: due consigli!

Una cosa che spesso si tende a trascurare sono i tempi di consegna. E questo è male.

Se anche hai previsto di dare le tue Partecipazioni direttamente in mano ai tuoi invitati, considera che la cosa richiederà del tempo. Se poi devi addirittura spedirle, fai un salto all’ufficio postale più vicino casa e informati sui costi e sui tempi di spedizione – a anche su eventuali restrizioni tecniche. A seconda del peso e delle dimensioni del pacco le cose cambiano (e non tutto può essere spedito per posta ordinaria).

Un’altra idea molto carina (e molto utile) è quella di regalare ai tuoi invitati un promemoria da tenere sott’occhio per non perdere la cognizione del tempo. Puoi dare sfogo alla fantasia e ideare un Save The Date molto originale; ma la cosa importante è che sia, prima di tutto, pratico. Ad esempio, a me piace molto includere un adesivo nella busta con Partecipazione e Invito, da attaccare sull’agenda o sul calendario! Perfetto!

E ora che questa è fatta… hai già pensato al Libretto Messa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.